Collaborare con la Fondazione Modigliani mi ha permesso di scoprire molto riguardo questo famoso artista. Prima di tutto che c’è una grande comunità attorno al personaggio, gente di cultura, appassionati d’arte ma anche artisti e artigiani.

In secondo luogo mi ha permesso di interfacciarmi con tutte le sfumature che prevedono un funnel ben organizzato: una landing page in grado di attirare il target, un processo post opt-in automatizzato e ben collegato ad ActiveCampaign per le e-mail automatiche e infine una ottimizzazione per gli utenti provenienti dall’estero.

Vediamo come ho approcciato a tutto il progetto.

Indice dei contenuti

Il cliente e l’evento

La Biennale Fondazione Modigliani è la società che sta dietro al personaggio di Amedeo Modigliani, storico pittore e scultore italiano.

Il loro scopo è organizzare un evento che richiami “ai lavori” i tanti artisti che durante il lockdown non avevano più potuto esporre le proprie opere o partecipare a fiere ed eventi di settore.

È anche una grande opportunità per Venezia, città dove ha luogo l’evento, per le tantissime attività coinvolte partendo da trenini, bus ma anche ovviamente tutto il complesso dei bar, ristoranti, pub ecc… .

L’evento in sé si propone come una mostra dedicata ad Amedeo Modigliani ma anche la possibilità per gli artisti di tutto il mondo di affittare uno spazio presso il Palazzo La Pietà ed esporre le proprie opere.

Inoltre sono in programma l’arrivo di gruppi musicali, band e i “Ferragnez”(Chiara Ferragni e famiglia) per la presentazione di un libro da parte proprio della mamma di Chiara Ferragni.

Esecuzione

Strumenti a disposizione:

– Elementor (versione gratuita).

– Calendly (versione gratuita—>poi diventata premium).

– Google Meet.

– ActiveCampaign.

– 10-15€ per comprare qualche tool utile nel caso serva.

Il mio compito è ben preciso: creare tutta la landing page (copy, grafiche, form) e anche tutta la logistica per permettere agli artisti di candidarsi per l’affitto di uno spazio all’interno del Palazzo La Pietà ed esporre le proprie opere.

Non tutti potranno partecipare ovviamente, c’è una selezione con annessa giuria che farà colloqui conoscitivi con gli artisti che si candideranno.

Prima di partire con ogni progetto faccio un pò di analisi della situazione, i “lead” arriveranno su questa landing da delle Facebook ads e dal corposo database mail della Fondazione Modigliani.

Mi sono chiesto:

“Cosa si aspettano di vedere gli artisti che vorranno partecipare all’evento?”;

“Quali leve posso utilizzare per “vendere” la possibilità di candidarsi ed esporre le proprie opere?”

Sono dunque partito con l’above the fold (ciò che l’utente vede appena apre la pagina).

Chi lavora con Elementor sa bene quanto può essere lungo e dispendioso la creazione di una row completamente da zero (un’interfaccia della pagina per intenderci).

Poi chiaro magari si ha tanta esperienza e si diventa più veloci.

Ecco perché mi sono io stesso andato a ricercare sul web, tramite plugin e spesso e volentieri fatto io stesso dei modelli di row già pronte da andare poi a personalizzare in base al contesto.

Mi sembrava molto bello mettere in homepage un video in secondo piano di Venezia. Non un video banale ma una bella clip che ne esalti il flusso di traffico di persone.

Un artista ama farsi vedere, ho pensato:”metto un video dove faccio vedere il flusso continuo di persone da mattina a sera”.

Dopo diversi test ne ho inserito uno che reputo molto carino.

Pur avendo un buon hosting il video ha quei 3 secondi di rallentamento dovuti al caricamento. Mi sono chiesto come potevo accorciare i tempi.

Dopo diversi tentativi ho messo il video alla risoluzione 720p con uno sfondo in overlay (sopra praticamente) nero leggermente in trasparenza così da non fare vedere che comunque il video non è un full HD.

Ma la grande trovata è stata inserire un’immagine di preloader proprio di quei secondi iniziali mancanti. Ho sviluppato una sorta di gif in alta definizione che mette insieme quei 2 secondi iniziali, la gif termina e parte il video, è praticamente instantaneo.

Poi il testo con una CTA chiara:”Sei un artista? Esponi le tue opere“.

Successivamente nelle sezioni successive ho insistito su cosa è l’evento, il perché partecipare dopo tanti mesi di inattività, la spiegazione della location l’antico Palazzo La Pietà, le numerose installazioni ed eventi organizzati all’interno, foto e opportunità per gli artisti.

Chiaramente spazio anche alla spiegazione del comitato che visionerà le candidature e un’area FAQ con domande/risposte frequenti.

Logistica

Se la landing è stata impegnativa (non dimentichiamo tutta l’ottimizzazione su mobile, io mi fido poco degli emulatori su browser e ho in casa 5-6 tablet, pc e smartphone per provare a vedere se ci sono scherzetti a livello grafico responsive) la logistica è stata il secondo tempo.

Sostanzialmente una volta che l’artista invia la candidatura c’è un gruppo di 3 ragazze che smista manualmente le candidature verso il reparto commerciale che si occuperà della call conoscitiva con il cliente e i rapporti con la commissione che valuterà le opere.

Come ho organizzato il tutto?

Da Contact Form, una volta completato il modulo, arriva una mail alla casella postale della fondazione con tutte le info del candidato (nome, cognome ecc…) a tal proposito ho installato delle integrazioni su Contact Form per permettere il caricamento di immagini multiple e la sincronizzazione con ActiveCampaign per far finire il contatto in un’apposita lista.

Tutto perfettamente integrato con il design della landing. Ho sistemato giusto un pò la parte di codice e traduzioni su Contact Form.

Il gruppo di ragazze che smista i candidati altro non farà che aggiungere un tag con il nome del commerciale: Marco, Giulio, Simone. Al candidato arriva una mail di conferma avvenuta candidatura e invito all’attesa di qualche giorno. Il commerciale viene invece informato del suo nuovo “lead” da trattare.

Se riterranno valido il candidato metteranno un nuovo tag: ammesso/rifiutato. Se il candidato verrà ammesso riceverà una mail con un link verso Calendly per prenotare una call in base agli orari di quel preciso commerciale (ogni commerciale ha un personale account Calendly).

Qui scatta l’altra integrazione con Calendly Premium, il candidato che prenota una chiamata attiva l’integrazione su ActiveCampaign che mettere il candidato su una lista contatti apposita.

Se il candidato viene rifiutato ovviamente arriva una mail dove diciamo che non è stato preso.

La cosa interessante è che con Google Meet in modo completamente gratuito possiamo creare dei:”link per chiamate in un secondo momento”. Se entrambe le persone si collegano allo stesso tempo potranno parlarsi. Perfetto quello che mi serviva, inoltre Meet è davvero rapido e non ci sono 2000 schermate da cliccare o programmi da scaricare come Skype o Zoom.

Ritornando alla landing ho installato Polylang che consente di individuare la provenienza dell’utente e cambiare lingua al sito in modo automatico, in pratica c’è un’altra pagina identica però in inglese. Ovviamente anche tutto il processo logistico ha una sua controparte in inglese, curata sempre da me.

Attenzione: non mi sono occupato della privacy, cookie policy ecc… .

L’evento è finito su giornali di settore ma anche sull’Ansa, basta cercare Biennale Fondazione Modigliani.

Link alla landing page:

http://web.archive.org/web/20211127192137/https://biennalefondazionemodigliani.com/

(l’evento è stato nel 2021 e chiaramente la pagina è andata offline, tramite web.archive è possibile vedere comunque la pagina ma il caricamento può impiegare 30-40 secondi. Il video che si vede nella prima interfaccia appare in bassa qualità ma posso assicurare che quando la landing era online tutto era fluido e in alta qualità)

In alternativa è possibile scaricare l’intera pagina come immagine qui:

Download pagina.

 


 

Anthony Bella

Copywriter | SEO | Social Media Manager

Nato a Cesena il 27/03/1994 e appassionato fin da piccolo di marketing e tecnologia. Ho collaborato con numerose aziende italiane in progetti di comunicazione, tra queste ricordo: Kunstdunger, Cream Creativi Mediterranei, Salone da Favola e OTO Agency.

Sono un grande appassionato di food marketing e ho lanciato come social media marketer diverse pizzerie in tutto il mondo tra cui Pizzeria Risìu (Scicli, Sicilia), Pizzeria Dacciuntaglio (Cadine, Trento), Pizzeria da Massimo (Illasi, Veneto), La Pizza de Savoretti (Guayaquil, Ecuador) e Pizzeria 4 Stagioni (Moudon, Svizzera).

Contattami alla mail: anthonybella1994@gmail.com

 


 

Altri casi studio

  • Caso studio lancio 4 pizzerie con successo

    In questo caso studio ti illustrerò come ho lanciato 4 pizzerie attraverso i social con grande successo. Da dove ho iniziato? Innanzitutto mi siedo a tavolino insieme al cliente per capire quali sono i valori della sua pizzeria, cosa lo differenzia, la sua storia professionale. Non possiamo più pensare di andare nel mercato, aprire una […]

    Leggi ora


  • Caso studio Instagram, Pizzeria da Massimo

    Ciao oggi ti porto un mio caso studio per Instagram. L’attività in questione è una pizzeria d’asporto che si trova a Illasi, un piccolo paesino vicino Verona. Gli obiettivi del titolare sono aumentare il bacino di clienti e spingere il profilo Instagram della pizzeria, a livello di visione futura vorrebbe implementare dei piccoli lanci per […]

    Leggi ora


  • Come scrivere un articolo in ottica SEO, la mia guida

    Ciao oggi ti porto dentro la mia logistica per la creazione di un articolo in ottica SEO e redazione di un piano editoriale lato blog. Negli ultimi 5 anni ho scritto per diverse aziende e combinando le strategie SEO con il copywriting si possono raggiungere ottimi numeri a livello organico. Il paid advertising rimane sicuramente […]

    Leggi ora